Marina Bellavia nominata alla direzione sanitaria della clinica della fertilità di Lugano che ha ottenuto l’accreditamento internazionale ISO 15189.

Nuovo direttore sanitario e nuovo riconoscimento internazionale. Nell’anno della pandemia, il centro di Medicina della riproduzione ProCrea di Lugano si rinnova per continuare a essere punto di rifermento internazionale per le coppie che sono alla ricerca di un figlio. La Dr.ssa Marina Bellavia, ginecologa di origini italiane formata all’Ospedale universitario di Losanna dove nel 2011, dopo una formazione approfondita per patologie come l’endometriosi, la sindrome dell’ovaio polistico e tutte le problematiche correlate all’infertilità e all’endocrinologia ginecologica, ha ottenuto la sottospecializzazione in Medicina della riproduzione e Endocrinologia Ginecologica, è stata indicata dal direttore generale della clinica svizzera Andrea Barlocco come nuovo direttore sanitario.

In ProCrea dal 2013, la sua nomina è arrivata poco dopo l’incarico di direttore scientifico affidato a Giovanni Maria Colpi, dottore medico specialista in Andrologia e Infertilità maschile. Un cambio ai vertici che è stato suggellato da un importante riconoscimento internazionale ottenuto da ProCrea: l’accreditamento ISO 15189, certificazione che sancisce “la qualità e la competenza” del laboratorio di IVF per la fertilizzazione in vitro. «È il riconoscimento di un sistema di qualità importante raggiunto da ProCrea», afferma Barlocco.

«La Medicina della riproduzione non è la mera applicazione di tecniche e procedure ormai consolidate, ma è la ricerca costante di risposte adeguate alle diverse problematiche di infertilità che una persona o una coppia presentano», sottolinea il nuovo direttore sanitario di ProCrea.

Di fatto, si tratta di una «presa in carico della coppia», prosegue la Dr.ssa Bellavia, che andrà di pari passo con «soluzioni innovative e un forte impulso alla ricerca perché la Medicina della riproduzione è in costante evoluzione; cammina a un ritmo elevato e richiede progressivi aggiornamenti per dare risposte che siano sempre più personalizzate ai pazienti».

Scienza e cura per accompagnare le coppie alla genitorialità.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email